Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Cliccando in un punto qualsiasi dello schermo, effettuando un’azione di scroll o chiudendo questo banner premendo il pulsante celeste, invece, presti il consenso all’uso di tutti i cookie

                                                                                                             

"Every child is my child": gli artisti italiani per la Siria

All’indomani del disastroso attacco chimico del 4 aprile 2017 a Khan Shaykhun in Siria, un gruppo di artisti e cittadini italiani ha postato un video in cui ciascuno, attraverso l’hashtag #EVERYCHILDISMYCHILD, richiedeva con urgenza l’intervento diplomatico degli organismi internazionali a tutela dei bambini nei territori di guerra. All’iniziativa hanno poi aderito artisti, scrittori, attori, registi, autori, musicisti e atleti. Personaggi dello spettacolo e del mondo dello sport si sono pertanto esposti in prima persona, con l’intento di creare e svolgere progetti a sostegno dell’infanzia in quelle aree colpite dalla guerra. Il 16 giugno alla Casa del Cinema a Roma alcuni di loro hanno incontrato la stampa per presentare i progetti avviati in questi mesi. Tra questi sono intervenuti Anna Foglietta, Roberto Angelini, Alessia Barela, Giulio Berruti, Fabia Bettini, Valeria Bilello, Marco Bonini, Andrea Bosca, Massimiliano Bruno, Paolo Calabresi, Giorgia Cardaci, Martina Colombari, Angela Curri, Tosca D’Aquino, Tosca Titti Donati, Camilla Filippi, Diane Fleri, Paolo Genovese, Lino Guanciale, Edoardo Leo, Vinicio Marchioni, Paolo Minaccioni, Edoardo Natoli, Vittoria Puccini, Martina Rei, Daniele Silvestri.everychildismychild01
I primi a intervenire durante la conferenza stampa sono l’attrice Anna Foglietta, la prima a lanciare il messaggio di solidarietà quel 4 aprile, il regista Paolo Genovese, e gli attori Marco Bonini e Vinicio Marchioni. Il loro grido disperato nasce innanzitutto “da un’esigenza umana”, come afferma Marchioni, ossia dal bisogno di creare un gruppo unito, coeso (dal nome “Banda Larga”), che riesca in modo coerente e determinato a creare qualcosa di concreto, importante, lavorando con estremo rispetto e serietà. Il primo evento in calendario è “Every child is my child – Live in Syria”: il 5 agosto a partire dalle 17.00 sino a notte inoltrata, nella meravigliosa cornice del Parco Archeologico di Vulci (VT), un incredibile insieme di artisti, attori, musicisti, cantanti, registi, scrittori, comici attenderà il pubblico per un raduno, una festa, un concerto e tanti laboratori. All’evento parteciperanno attori, musicisti, registi, artisti di diverse estrazioni. Questi i nomi ad oggi confermati: Alessia Barela, Alex Braga, Andrea Bosca, Andrea Rivera, Angela Curri, Anna Ferzetti, Anna Foglietta, Camilla Filippi, Caterina Guzzanti, Daniele Silvestri, Diane Fleri, Diego Mancino, Diodato, Edoardo Leo, Edoardo Natoli, Emma Marrone, Ermal Meta, Fabia Bettini, Fabrizio Bosso, Frankie Hi-Nrg Mc, Gegè Telesforo, Giorgia Cardaci, Lillo Pasquale Petrolo, Lino Guanciale, Lorenzo Mercati, Marco Bonini, Marco D’Amore, Maria Lorena Cacciatore, Marina Rei, Matilda De Angelis, Max Bruno, Michela Cescon, Michele Riondino, Mirna Kassis, Otto Ohm, Paola Minaccioni, Paolo Genovese, Petra Magoni, PierFrancesco Favino, Red Daniele Novarini, Roberto Angelini, Stefano Fresi, Tiziana Tosca Donati, Tosca D’Aquino, Valentina D’Agostino, Valeria Bilello, Vinicio Marchioni, Vittoria Puccini, Wrongonyou.

 

everychildismychild03Come afferma Andrea Bosca, “tutto questo sarà fatto con l’obiettivo di raccogliere fondi per la realizzazione di una “Plaster School”, una scuola elementare per i bambini siriani profughi sul confine turco-siriano, con la ONLUS “Insieme si può fare”, in assoluta democrazia e attraverso la collaborazione di tutti i partecipanti al progetto”. “Every child is my child” non vuole essere un movimento, quanto un pensiero, un gruppo di persone che cercano di avere un rapporto diretto con gli altri. “Ci ha colpito molto la disponibilità delle persone alle quali abbiamo chiesto di aderire al progetto e sinceramente – afferma Daniele Silvestrinon ci aspettavamo che quasi tutti ci dicessero di si. L’evento di Vulci vedrà tanti artisti, musicisti, colleghi sul palco stare insieme in modo diverso, con una qualità artistica e umana incredibile”. “Ogni bambino è il nostro bambino” vuole essere dunque il credo unico di tutti gli artisti, ma soprattutto la volontà di creare un organismo aperto anche a tutti coloro i quali abbiano il desiderio di parteciparvi attivamente. Durante la manifestazione del 5 agosto ci saranno tante iniziative, attività per i più piccoli, ma anche per un pubblico adulto (oltre ai concerti, incontri con registi, attori e divertenti preparazioni di scene tratte da film, sotto la guida di professionisti dello spettacolo). L’intero ricavato della serata sarà devoluto per la costruzione della scuola sul confine turco-siriano. Inoltre, in occasione della prossima edizione della Festa del Cinema di Roma, due sono gli appuntamenti: la tradizionale serata di raccolta fondi, ideata e promossa da Désirée Colapietro Petrini, in chiusura della Festa, quest’anno sarà dedicata al un progetto benefico di Every Child Is My Child in favore dei bambini siriani. Inoltre, nell’àmbito di Alice nella città, sezione autonoma e parallela dedicata alle giovani generazioni, esperti ed artisti terranno una serie di incontri e letture ad alta voce organizzati in collaborazione con la casa editrice Salani; questi incontri sono rivolti ai ragazzi e alle scuole per diffondere consapevolezza sul tema della guerra in Siria. Mentre a Natale, l’editore Salani pubblicherà una raccolta di storie, vere e magiche incentrate sul tema della felicità e della preziosa spensieratezza nella prima parte della vita. Gli autori delle storie e altri artisti aderenti ad Every Child: Claudio Bisio, Fedez, La Pina, Luca Argentero, Martina Colombari, Paolo Calabresi, Violante Placido.
Un progetto importante, una nuova idea di mondo, che si traduce in atto politico, in impegno costante e diretto e che richiede un confronto altrettanto intenso, ma sempre paritario e sincero.

Per maggiori informazioni: http://www.everychildismychild.it/ www.everychilismychild.it

Serena Antinucci 19/06/2017

Pubblicato in News

Libro della settimana

Facebook

Formazione

Colori e sapori

Recensito su Twitter

#cinema “Ritorno sui monti”: il docufilm sul viaggio di Paolo #Rumiz alla riscoperta dell'Appennino @SaraRisini https://t.co/0yA9GMpJGf