Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Cliccando in un punto qualsiasi dello schermo, effettuando un’azione di scroll o chiudendo questo banner premendo il pulsante celeste, invece, presti il consenso all’uso di tutti i cookie

                                                                                                             

Musica

“Teresa Canta Pino”: l’omaggio di Teresa De Sio a Pino Daniele
C’è solo un artista capace di dipingere Napoli con tutti i suoi rumori, le grida, il calore, le risate sguaiate, la nostalgia e l’odore del mare. Pino Daniele, simbolo della musica italiana. Sono passati due anni e la sua morte è ancora da metabolizzare. Da sempre imitatissimo, è un artista unico e irripetibile, difficile da riproporre. Teresa De Sio ci prova e ci riesce con “Teresa Canta Pino”: un atto di devozione in 15 brani, un inedito – “O jammone”, “Il capo”, dedicata proprio a Pino Daniele – per 51 minuti di musica partenopea.Nasce come attrice teatrale e entra nel…
Per un pugno di token: luci e ombre della prima data italiana dei Radiohead
Come loro nessuno mai. I Radiohead sono tornati e hanno fatto tremare un pubblico di 50mila persone radunato all'ippodromo di Visarno, Firenze. Fan della prima, della seconda e della terza ora, famiglie con bambini al seguito, ventenni che quando è uscita “Creep” non erano ancora nati, chi c'è perché “i Radiohead sono i Radiohead” e fanno bene tutto quello che fanno. La prima data italiana, dopo cinque anni, comincia come un sogno lucido, con centinaia di pulviscoli di luce bianca fluttuanti sul palco sulle note di “Daydreaming”. Dreamers, they never learn, i sognatori non imparano mai. Sfidano il caldo afoso…
“La Posa” di Nada Trio. Per un altro segno indelebile nel firmamento della musica d’autore
Il destino continua a prendersi gioco della vita, avvolgendo con un alone di tristezza uno dei più importanti, sofferti ed entusiasmanti momenti per un artista come può essere il concretizzarsi di un progetto discografico. È successo per “La posa” di Nada Trio, uscito lo scorso 7 aprile per Warner Music Italia. Qualche giorno prima (il 30 marzo) ci lasciava, infatti, uno dei più importanti chitarristi e compositori italiani, Fausto Mesolella, componente del trio insieme a Nada e Ferruccio Spinetti. E se da un lato l’ascolto porta con sé, quasi inevitabilmente, un orecchio tenero verso questa nuova fatica, dall’altro il tragico…
"Vussia Cuscenza" di Gabriella Lucia Grasso, piccolo narciso della collezione siciliana
Gabriella Lucia Grasso si mette in gioco con “Vussia Cuscenza”, uscito per la Narciso Records di Carmen Consoli lo scorso marzo. Un album che del catanese sviscera note trascinate, arzigogola gli scioglilingua e accentua i dialetti. La voce della Grasso, già autrice per il gruppo tutto femminile delle Malmaritate, si dissolve in note che riescono a riprodurre, nella fagocitante andatura campestre, le concitazioni della coscienza attraverso la traccia che dà titolo all’album. Risuonano pure esotismi del singolare tango di “Taccu e punta”, che ritmano l’andatura sofisticata del pezzo.Tutto il contrario accade con “Quanti Voti”, che assieme al sodalizio di Lucia…
Targhe Tenco 2017: i finalisti
Dopo il cambio di direzione artistica, passata in mano a Sergio Secondiano Sacchi, e gli strascichi ancora vivi delle dimissioni di Enrico De Angelis e di parte del vecchio direttivo, il Tenco ha continuato il suo lavoro e ha pubblicato le cinquine finaliste delle Targhe 2017, selezionate da una giuria di giornalisti e critici musicali. Due i principali cambiamenti del sistema di voto, che hanno portato alcune firme importanti a schierarsi in netta contrapposizione nei confronti della nuova direzione: l’anticipo della scadenza (l’anno scorso era possibile votare i dischi usciti fino al 20 agosto, quest’anno fino al 31 maggio) e…
“Uomo donna”, il nuovo disco di Andrea Laszlo De Simone
Esistono dischi che vanno ascoltati in silenzio, con gli occhi chiusi, per imparare a sognare e, per un momento, disimparare a parlare. “Uomo donna”, il nuovo album del cantautore torinese Andrea Laszlo De Simone, uscito il 9 giugno per l’etichetta indipendente 42 Records, è uno di questi. Si ascolta abbandonandosi completamente, distaccandosi per un istante da sé stessi. Si comprende la profondità delle sue parole rinunciando necessariamente a capirle, cogliendo soltanto la semplicità del suo messaggio poetico. Il musicista ci permette di vedere il mondo, gli altri, le relazioni, l’uomo, la donna, la politica, le sue contraddizioni, in un modo…
"La musica è pericolosa". Quando a suonare è Nicola Piovani
Dedico questo concerto a chi disse “se non passa in tv, non esiste”.Sono contento di aver condiviso con voi queste due ore di inesistenza. (Nicola Piovani) Nicola Piovani è un miracolo.Un miracolo che si compie in due ore di concerto sul palcoscenico del Teatro Argentina, in scena dal 7 al 11 giugno, e ripercorre brani celebri del compositore Premio Oscar.“La musica è pericolosa”, come disse una volta Federico Fellini a Piovani. È pericolosa come lo sono le cose belle quando hanno a che fare con l'indicibile, come quel senso di spaesamento che ti coglie negli amori adolescenziali. “Anche se, secondo…
Pagina 1 di 34

Libro della settimana

Facebook

Formazione

Colori e sapori

Recensito su Twitter

#teatro "Il Gioco dell'Amore e del Caso": Lorenzo Lavia porta al @teatrodiroma il suo #Marivaux @zoppello_giulio https://t.co/nBuDRCV87O

Tecnologia